venerdì 26 agosto 2016

La scuola di Amatrice realizzata da un'azienda in odor di mafia?


Scuola di Amatrice (foto Il Giornale)

La scuola di Amatrice fu ristrutturata nel settembre 2012 dal Consorzio Valori Scarl.
Come ha fatto a venire giù se avrebbe dovuto rispondere alle più recenti norme antisismiche?
Lo stabiliranno i magistrati, ma il Consorzio nel 2010 era già stata indagata dal 2007 dalla Guardia di Finanza di Catanzaro
per violazione delle norme di appalto, truffa e per avere utilizzato calcestruzzo impoverito.
fonte: http://www.nuovacosenza.com/cs/10/dicembre/16/benisorical.html

Non solo. Lo stesso Consorzio partecipò ad un bando ad evidenza pubblica del valore di 18 Milioni € per l'esecuzione di opere di fondazione relative a manufatti da realizzare sul sito per l'Esposizione Universale del 2015 di Milano.
Dopo essersi aggiudicato l'appalto però risulta che la Coop edile non aveva i requisiti per poter partecipare ed avrebbe dovuta essere esclusa, ma vista l'eccezionalità e "il preminente interesse nazionale essenziale all'evento" il Consiglio di Stato decide che la gara non può essere inficiata e il TAR di Milano da ragione al consorzio di imprese pugliese.
fonte: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/05/15/expo-appalto-milionario-a-unazienda-bitontina-ma-la-cupola-disse-noBari02.html

Nuove indiscrezioni sull'indagine rendono ancora più grave ciò che è accaduto.
Pare che infatti a soli due anni di distanza dai lavori di ristrutturazione del 2012 il Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi avesse fatto un nuovo bando per la scuola, anch'esso di prevenzione ai terremoti. A vincere il bando questo giro l'imprenditore Carlo Cricchi, già indagato dalla Procura dell'Aquila per la ricostruzione post sisma del 2009 della chiesa di Santa Maria Paganica.
Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-08-28/crolli-sospetti-inchiesta-anche-ad-ascoli-104928.shtml?uuid=ADKEVABB