giovedì 28 aprile 2016

Filetto, in 9 anni pronto il parcheggio.

foto elaborata dall'originale pubblicato su Ravenna&Dintorni del 23/02/2016



“Sono venuto tra di voi per distribuire trenta premi ai cittadini che hanno per lungo tempo dato la loro opera alla redenzione della Pianura ravennate. Il premio consiste in un parcheggio che sarà rilasciato ad ognuno di voi, accompagnato da una immagine del nostro Sindaco, ma voi dovete interpretarla come un gesto, un atto di simpatia concreta per tutti voi. Quando tra cinquant’anni i figli dei vostri figli vi domanderanno che cosa significa questo parcheggio [voi potrete dire che] nel decennio di questo illuminato governorato socialista [ e progressista] fu impegnata una grande battaglia per redimere dall’acqua e dalla morte una grande zona di territorio della Patria Italiana, fu impegnata in questa battaglia tutta la volontà della Giunta, ingenti mezzi, una grande organizzazione e un imponente esercito di lavoratori. Così con l'aiuto di volontari, estratti a sorte tra le file dei nostri più valorosi compatrioti tutto questo è stato reso possibile".

È il 20 febbraio del 2016 sono trascorsi solo nove anni dalla posa della prima pietra del cantiere di autocostruzione. “Tra un anno anche le palazzine saranno pronte, anche se il nostro mandato sarà terminato tra soli tre mesi, non tradirò le vostre aspettative” promette Massimo Cameliani alla folla acclamante. 
“Una giornata di indimenticabile entusiasmo nell’agro redento - commenta il cinegiornale Luce - su un sottofondo di popolo che urla e grida il suo nome" e di donne che sventolano i cappelli. L'assessore trebbia durante due ore il primo grano di Filetto al Consorzio Cooperativo”. Un tricolore sventola mentre la telecamera lo inquadra con il dorso nudo mentre lavora insieme ai contadini (i virgolettati sono frutto di fantasia).

Scritto partendo da questo articolo: http://www.ravennaedintorni.it/ravenna-notizie/48798/filetto-intanto-il-parcheggio-ha-un-nome.html

potrebbe interessarti leggere: immagini del cantiere occupato di Ravenna.
La vera vittima: il Comune di Ravenna!