mercoledì 29 ottobre 2014

COMUNICATO STAMPA DI ALISEI ONG.



Tratto dal sito di Alisei Ong:

                                                                       COMUNICATO                                                                         
                                                                                                                                                                  
Nel gennaio di quest’anno la trasmissione Lucignolo 2.0 di Mediaset spa/Italia 1 ha mandato in onda una serie di servizi travisatori della realtà e diffamatori della reputazione di Alisei Ong. Per questo motivo siamo stati costretti a querelare all’Autorità Giudiziaria i giornalisti, i conduttori e i redattori che hanno confezionato e pubblicato quei servizi.      
Tramite i nostri legali abbiamo anche diffidato Mediaset dal proseguire con azioni infamanti e chiesto il ritiro dei video clip ancora disponibili in streaming e, infine, abbiamo richiesto il risarcimento dei danni. Mediaset spa ha ritirato i video diffamatori, ma non ha ancora provveduto a risarcire i danni subiti da Alisei Ong. In questi giorni siamo stati contattati da un giornalista del programma “Le Iene” di Mediaset spa/Italia 1 che ci ha chiesto un’intervista ma che non ha voluto precisarne i contenuti e l’oggetto.              



Oggi senza alcun preavviso alcuni giornalisti delle Iene si sono presentati presso la nostra sede in sostanza ripetendo le stesse accuse infamanti dei loro colleghi di Lucignolo. A causa degli ovvi conflitti di interesse da parte di Mediaset spa stessa è evidente che non vi siano le condizioni che possano garantire l’obiettività del servizio e una corretta ricostruzione dei fatti. Ciononostante non ci siamo sottratti, nei limiti delle condizioni in cui siamo stati posti, a confermare la nostra posizione assolutamente trasparente e corretta.                                                                                                                     

Fino a che la Magistratura non avrà accertato le responsabilità di coloro che sono stati querelati e la contesa con Mediaset spa non si sarà composta, riteniamo che nessun contatto, se non attraverso i rispettivi legali, sia né opportuno né possibile con Mediaset spa e con chi si presenta nel nome di Mediaset spa. In caso di ulteriori atti lesivi della nostra reputazione e onorabilità provvederemo senz’altro a difenderci promuovendo tutte le necessarie azioni legali.                                                                                            


l'attestato del Comune di Ravenna dato all'associazione per il lavoro svolto negli anni a favore dell' intercultura, della lotta al razzismo, della costruzione della pace e della crescita della società civile.