mercoledì 11 dicembre 2013

Un caso di omonimia.

dal sito del Ministero http://bit.ly/1kvCcvi






































A Napoli venerdì 13 dicembre si è tenuto il seminario internazionale: "Autocostruzione e autorecupero" organizzato da Aliseicoop.
L'incontro naturalmente ha un alto valore sociale, il progetto rappresenta una validissima soluzione al "acutissimo disagio abitativo", è cofinanziato con fondi FEI, Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi, istituito nel 2007 con decisione del Consiglio dell’Unione Europea con lo scopo:


 "di aiutare gli Stati membri dell’Unione europea a migliorare la propria capacità di elaborare, attuare, monitorare e valutare tutte le strategie di integrazione, le politiche e le misure nei confronti dei cittadini di Paesi terzi, lo scambio di informazioni e buone prassi e la cooperazione per permettere ai cittadini di Paesi terzi, che giungono legalmente in Europa, di soddisfare le condizioni di soggiorno e di integrarsi più facilmente nelle società ospitanti." dal LINK del Ministero dell'Interno.

Qualche lettore di questo blog potrebbe rimanere un po' sorpreso dal binomio Alisei - Governo, ma voglio subito sgombrare il campo da ogni possibile illazione. Aliseicoop non ha nulla a che vedere con la truffa autocostruzione, come ci tiene a precisare la responsabile Carla Barbarella: "Ci accomuna soltanto il riferimento ai venti buoni dell’Oceano Atlantico, ma assolutamente niente altro!"

L'invito con sorpresa.

"Matteo, è ormai da anni che circola sul web la notizia della brutta esperienza della tua cooperativa di Filetto. Ti ho già espresso per questo la mia solidarietà. Non accetto però che per ragioni personali tu continui a fare di ogni erba un fascio,insinuando dubbi sull’autocostruzione in quanto tale,ignorando le tante iniziative che in Umbria,nella Marche ed in Campania sono o stanno andando a buon fine,consentendo di autocostruire case a costi molto contenuti,con un controllo rigoroso della spesa, nel pieno accordo dei soci delle cooperative.
Ti invito a visitare i siti http://www.autocostruzione.net e http://www.aliseicoop.it dove sono documentati gli sviluppi dei cantieri di autocostruzione di cui è responsabile al momento Aliseicoop che prego ancora una volta di non confondere con l’organismo responsabile dei problemi di Filetto, la Ong Alisei. *
Ci accomuna soltanto il riferimento ai venti buoni dell’Oceano Atlantico, ma assolutamente niente altro!
Perché non trovi il tempo di venirci a trovare in Campania dove oggi Aliseicoop lavora? A Villaricca, a Piedimonte Matese o a Baia e Latina dove speriamo di far partire presto una altra iniziativa.Carla Barbarella. Aliseicoop piccola società cooperativa", (nei commenti di questo articolo )

* L'affermazione parrebbe un lapsus, ma non lo è. Carla Barbarella è stata vice Presidente di Alisei Ong dal 1998 al 2006. ...se non lo sa lei chi è il responsabile dei problemi di Filetto!