mercoledì 23 ottobre 2013

L'alligalli...di periferia.

Se prima eravamo in due a ballare l'alligalli...
N.B. questo disegno è una mia variante al logo di Ravenna fatta senza chiedere alcun permesso a Gianluca Costantini.

Il 3 ottobre scorso Banca Etica ha mandato al Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci e a Gloria Dradi, responsabile del progetto di autocostruzione di Filetto (e in copia a noi autocostruttori), una diffida ad adottare entro 30 gg. il provvedimento di decadenza della Società cooperativa Mani Unite (cioè la cooperativa di autocostruttori) dalla concessione del diritto di superficie del cantiere di Filetto:




La diffida è seguita da una avvertenza
, in caso di ulteriore inerzia da parte del Comune, la stessa Banca sarà costretta, a tutela dei propri diritti ed interessi, a presentare un'istanza di attivazione dei poteri sostitivi previsti dall'art. 2, comma 9-bis, della legge n.241/1990, e ad attivarsi presso le opportune sedi giudiziali (ricordando nelle premesse che la Banca ha già impugnato di fronte al T.A.R. Emilia Romagna la nota prot. 126098/2012 del Comune in cui la stessa amministrazione affermava di non ritenere sussistenti i presupposti per il subentro del Comune di Ravenna nel contratto di finanziamento).

Se il giudice dovesse ritenere corretta la posizione della banca, il Comune di Ravenna potrebbe essere costretto a rifondere il debito che la cooperativa ha con Banca Etica (1.300.000 € circa) per il noto progetto di Filetto, fallito anche per l'omessa vigilanza dell'amministrazione comunale, inoltre potrebbe essere costretto a risarcire gli autocostruttori di circa 700.000 € (come previsto dalla Convenzione del 25/09/2006 stipulata con la cooperativa Mani Unite, all'art.18) ritrovandosi tra le mani un cantiere al 50% di stato di avanzamento dei lavori, con il tetto da rifare e abbandonato da 4 anni alle intemperie del tempo. Vale a dire, facendo i conti della serva, 2.000.000 € (leggasi 2 milioni) per due file di 14 ruderi.

Non è tutto, ciò non lo solleverebbe da una eventuale azione civile da parte degli autocostruttori, con una eventuale richiesta di risarcimento.






Se sono di tuo interesse i documenti ufficiali della vicenda di Filetto sono disponibili al seguente link:
http://www.difesaconsumatori.eu/index.php/autocostruzione-filetto/cronistoria-filetto