domenica 2 settembre 2012

Il Sindaco in visita al cantiere occupato di Filetto (RA).

 

http://difesaconsumatori.eu/ foto Alberto Mattioli

Sabato 1 settembre il Sindaco di Ravenna e l'assessore Gabrio Maraldi si sono recati in visita degli autocostruttori di Filetto che da 68 giorni occupano il cantiere dove nel 2006 cominciarono a costruire le case, che una volta concluse, sarebbero diventate le loro abitazioni.
Dal luglio del 2009 purtroppo, la ditta anch'essa individuata dal comune, Alisei S.r.l., si è fatta di nebbia, per poi dichiarare fallimento pochi mesi più tardi.
Da quel momento, ciò che doveva rappresentare un sogno per le 14 famiglie di cittadini e lavoratori del comune di Ravenna, si è pian piano trasformato in un incubo, che continua da ormai 3 anni e che diventa sempre più insopportabile e senza senso.
Da allora infatti il Comune di Ravenna, che aveva scelto gli autocostruttori attraverso un bando pubblico e che si era fatto responsabile di tale progetto firmando, nella persona dell'allora sindaco Mercatali, un protocollo d'intesa nel quale si impegnava a "sovrintendere coordinare e vigilare in tutte le fasi la corretta attuazione del progetto", non ha ad oggi trovato una soluzione che consenta agli autocostruttori, che hanno lavorato per ben 1500 ore ciascuno alla realizzazione della propria casa, di terminare il cantiere.
Pochi mesi fa si è aggiunta la richesta della banca che nel 2006 concesse la linea di credito per finanziare i lavori, che ha preteso dai soci della cooperativa di autocostruttori Mani Unite, la restituzione di una somma che aggravata dagli interessi passivi, ha raggiunto la cifra di 1.288.000 €.
Ora gli autocostruttori, dopo avere affrontato il sacrificio dell'opera, la delusione e lo scoramento degli anni trascorsi in attesa che qualche cosa accadesse ed anche il sacrificio fisico e psicologico di una occupazione che si è protratta anche troppo, sperano che l'Amministrazione comunale e regionale metta fine a questo disagio e restituisca il diritto, la giustizia e la dignità a queste persone mettendole nelle condizioni di vivere nella propria casa. Di seguito una intervista di Ravennawebtv fatta ad uno degli autocostruttori, subito dopo la visita del Sindaco: